Quattro studenti di 4°IA sviluppano un progetto informatico al servizio degli enti pubblici

Inviato da Maurizio Rizzo il Sab, 09/07/2016 - 10:19
I ragazzi e professori del progetto

L'istituto superiore Greppi di Monticello Brianza prosegue il suo percorso all'insegna dell'innovazione e dell'intraprendenza dei suoi studenti. Ultimo importante "tassello" per una scuola al passo con i tempi è stato messo grazie ad un nuovo progetto informatico, dal titolo "Open Linked data esemantic web: gestione di problematiche relative alla conoscenza condivisa". Quattro studenti, coordinati dai professori Gennaro Malafronte e Raffaele Milani, hanno intrapreso un'esperienza che proseguirà nel tempo e il cui obiettivo è quello di creare una piattaforma per la consultazione di mappe di Linked Open Data, ossia i dati pubblici interconnessi tra loro e generati da pubbliche amministrazioni o altri enti. "Questi dati, opportunamente elaborati, possono essere combinati per ottenere indicazioni ad alto valore aggiunto. Ad esempio è possibile elaborare indici di qualità della vita, di costo dei servizi al cittadino, di inquinamento atmosferico. Questi indici, seppur significativi, se visti come indicatori globali, assumono maggiore rilevanza quando diventano maggiormente fruibili per mezzo di mappe interattive" ci ha spiegato il professor Malafronte. Tutto ha avuto inizio il 5 maggio con una conferenza tenutasi in aula magna alla presenza del dott. Enrico Fagnoni, imprenditore e CEO di "Linkeddata Center srl", che ha coinvolto gli studenti delle classi quarte e quinte sul tema "Linked Open Data". Al termine dell'incontro, la selezione per uno stage nell'ambito dell'alternanza scuola-lavoro di quattro studenti di 4IA: Enrico Biella, Leonardo Longhi, Thomas Abbondi, Tommaso Redaelli. Prima di fare pratica, i ragazzi hanno seguito un corso propedeutico di sei ore con il dott. Fagnoni a cui sono seguiti diversi appuntamenti molto stimolanti, sia per gli studenti che per i docenti coinvolti. Dopo aver partecipato alla conferenza "Dalle informazioni alla conoscenza condivisa - Open Data e sharing economy" organizzata dal Comune di Lecco presso il Politecnico di Lecco, gli studenti hanno avuto modo di conoscere il dott. Ferdinando Germano Ferrari di Regione Lombardia, che si è complimentato per l'iniziativa portata avanti dalla scuola monticellese dicendosi disponibile a collaborare con l'istituto nell'ambito dei Linked Open Data. Dopo aver affrontato tematiche non solo tecniche, ma anche socio-economiche e del diritto, il 13 giugno il gruppo di lavoro di 4IA è partito alla volta di Esino Lario, sede del campus di LinkedData.Center dove, con il supporto del professor Milani, hanno lavorato per tre giorni in modo collaborativo coordinati direttamente dal dott. Fagnoni. La modalità di lavoro è stata quella tipica degli Hackathon, ossia una collaborazione che vede l'alternanza di vari momenti: dalla definizione di obiettivi alla ricerca di strumenti di lavoro a cui seguono l'analisi di soluzioni alternative e la produzione di software in un ciclo continuo. Dopo un lavoro intenso, gli studenti hanno fatto ritorno in Brianza dove hanno proseguito il percorso con riunioni (stand­up meeting) mattutine via Skype a cui ha fatto seguito il successivo sviluppo di collaborazioni con contatti continui in giornata tramite whatsapp, e­mail, skype e strumenti avanzati per lo sviluppo software collaborativo. A fine giugno il quartetto è poi tornato a Esino Lario per il completamento del lavoro. Grande soddisfazione è stata espressa dal dott. Fagnoni, coordinatore del progetto, e dagli stessi professori Milani e Malafronte. ''I ragazzi hanno avuto modo di entrare nel mondo degli Open Linked Data e avere un primo approccio a tecnologie complesse quali i "Graph Data Base", i linguaggi RDF/SPARQL. La modalità di lavoro ha confermato la validità del "Learning by doing" e ha permesso di sperimentare tecnologie di collaborazione che potranno essere utilizzate il prossimo anno scolastico e che permetteranno agli studenti di collaborare a progetti scolastici anche da casa. Ho visto i ragazzi affrontare in modo collaborativo problemi tecnicamente molto complessi senza timori reverenziali, selezionando le migliori fonti liberamente disponibili in rete" ha commentato il professor Milani.

Il risultato finale è una interfaccia web per la gestione di un "Graph Data Base" professionale, che si può trovare al seguente link:http://cpanel.linkeddata.center/

Ma non è finita qui. Il team del Greppi ha anche deciso di renderlo in modalità "Open source" e pubblicarlo al seguente indirizzo:https://github.com/linkeddatacenter/ekbcp

Grande entusiasmo e soddisfazione anche da parte degli studenti, in prima linea nell'iniziativa, che proseguirà anche nel prossimo anno scolastico con il supporto di Regione Lombardia e dott. Fagnoni, imprenditore e CEO di Linkeddata center srl.

Leggi anche l'articolo sul Giornale di Merate

Relazione con la stampa: 
Prof.sse Annarosa Besana Rossella Gattinoni